Ecco perché ti serve una mappa digitale della città

Città di Montichiari – la mappatura digitale del territorio

Non so tu, ma in questo preciso momento vedo sempre più persone svolgere attività fisica all’aperto.

Una conseguenza naturale delle limitazioni che osserviamo. Anche a me è capitato di fare lunghe passeggiate e ho notato alcune cose che probabilmente hai visto anche tu:

  • attraversamenti pedonali poco visibili o con la segnaletica sbiadita
  • cartelli stradali coperti dalla chioma degli alberi e, soprattutto in questa stagione, mi è capitato spesso di vedere cumuli di foglie sui tombini
  • l’illuminazione? Lampioni alternativamente spenti perché consumano troppo e zone poco illuminate.

E c’è di più le Amministrazioni pubbliche non sempre hanno a disposizione le risorse sufficienti per la manutenzione o per pensare a progetti che coinvolgano più aspetti del territorio.

Ma in questo quadro poco allettante voglio raccontarti come un comune bresciano ha risolto queste difficoltà e anzi ha fatto molto di più. Con una mappa digitale, che raccoglie le informazioni della città, Montichiari si avvia a trasformarsi in una smart city, una città che ottimizza le sue risorse, riduce i costi e offre servizi efficienti.

sindaco montichiari

Immagino che a questo punto vorrai sapere anche tu come ha fatto il Sindaco Marco Togni ad ottenere questo risultato. Te lo dico chiaramente, non ha avuto un colpo di fortuna ma ha deciso di utilizzare un approccio diverso, dinamico e adattabile alle sue esigenze.

  1. Per prima cosa ha scelto di fare un rilievo geografico delle strade del suo comune. Questo significa che un veicolo super tecnologico è passato sul territorio catturando informazioni da: cartelli stradali, lampioni, alberi, ecc. I dati sono stati informatizzati e raccolti in un database.
  2. Questi dati hanno permesso di creare una mappa digitale della città dalla quale, di volta in volta e in base alle necessità, l’ufficio tecnico ricava le informazioni di cui ha bisogno. Facciamo un esempio. Se l’intento è risparmiare energia elettrica,  l’addetto consulta la mappa e analizza tutti i lampioni direttamente dal  pc. Semplice no? Tutte le informazioni sono sempre disponibili e pronte all’uso.
  3. Il passo successivo quindi è fare un piano a partire dall’analisi dei dati sulla mappa digitale e a quel punto non ti basterà che metterlo in pratica.

Quindi che cosa ottieni?

  • I dati digitalizzati danno vita alla mappa 3D della città.
  • Lavoro più agile e snello per gli uffici pubblici che eliminano il cartaceo.
  • La disponibilità dei dati permette di intervenire solo laddove ce ne sia l’esigenza riducendo i costi.
  • Conoscere il territorio in anticipo, attraverso l’analisi dei dati, rende possibile pianificare per il futuro.
  • Informazioni aggiornate e sempre accessibili perché rimangono disponibili sul web.
  • L’esperto consulta i dati in tempo reale e risponde rapidamente.
  • Trasparenza per il Cittadino

Ma se i vantaggi sono così chiari perché diversi Comuni sono in ritardo e non mappano digitalmente il territorio? Chi invece lo sta facendo?

Per avere informazioni sul metodo Geolander.it

WhatsApp us
(Visited 219 times, 1 visits today)