Case History – Comune di Arco

PIANO DI INTERVENTI PER LA SEGNALETICA VERTICALE:
LA BUONA PRASSI DEL COMUNE DI ARCO

Segnaletica verticale – questa sconosciuta

Link http://www.geolander.it/2018/10/23/il-tg3-trentino-parla-di-noi/

Who

Il caso del Comune di Arco

What

Sicurezza stradale: la segnaletica verticale al centro delle politiche del comune di Arco nella gestione delle strade.

Arco, il terzo comune della Provincia di Trento ha da sempre adottato politiche di settore in materia di trasporti e sicurezza stradale con riguardo alla segnaletica.
Il comune gestisce in proprio le manutenzioni degli impianti di segnaletica verticale e deve gestire un territorio vasto ed eterogeneo che va dal lago di Garda fino alle montagne notissime per gli appassionati di free-climbing a livello mondiale. Proprio per la sua vocazione turistica e l’attenzione alla sicurezza viabilistica è stato affidato a Gemmlab il compito di costituire un completo quadro di conoscenza del territorio riguardo agli impianti di segnaletica.

Where

Il veicolo Geolander ha percorso gli oltre 160 km di strade in meno di 2 giorni recuperando oltre 800 GB di materiale tra dati lidar e immagini.

La fase di elaborazione ha riguardato la costituzione di un completo database geografico consistente negli oggetti presenti su strada arricchito da misure, distanze, altezze e dati essenziali per la verifica dell’efficienza.  L’attività è durata 15 giorni ed è stata seguita da una fase di rilievo manuale di completamento delle informazioni di ogni singolo impianto per verificarne la piena aderenza alle specifiche del Nuovo Codice della Strada.

La durata del rilievo su strada è stata di 7 giorni.

When

Le operazioni sono iniziate in luglio 2018 per essere consegnate nel mese di settembre 2018

Why

L’esito dell’attività ha consentito di realizzare una banca dati georeferenziata composta da 3.189 impianti, 5.331 segnali e 3.058 supporti definendo una media di impianti a chilometro pari a 31. 
Gli esiti di questo lavoro hanno evidenziato un 2% di impianti piegati, 15 impianti con posizionamento errato, un 25% di impianti con distanza dal ciglio non a norma, A partire da questi dati si è potuto agevolmente filtrare i segnali di dare la precedenza, di preavviso di senso vietato e di attraversamento pedonale che non erano conformi. L’utilizzo del prezziario ufficiale della Provincia Autonoma di Trento ha permesso di realizzare un preciso computo che consentirà all’ente di investire propriamente per il 2019 le cifre per il riordino di questo catasto di informazioni.

Come ultimo risultato utile, grazie alla piattaforma Geolander iMapper, oggi il personale dell’Ente è in grado autonomamente di aggiornare e mantenere questo prezioso giacimento di informazioni anche attraverso dispositivi mobili.
La segnaletica non dev’essere solo realizzata in modo conforme con prodotti certificati, ma installata in modo corretto e coerente con il territorio perché non è solo un’indicazione per l’utente della strada ma anche una comunicazione sull’area territoriale nella quale si trova. Inoltre dev’essere coerentemente manutenuta e introdotta secondo necessità senza sovrabbondanza di segnali che rischiano di procurare un inquinamento visivo per diventare inefficaci se non dannosi, generando disorientamento in chi guida

Soluzioni adottate

  • Geolander veicolo di mobile mapping
  • Soluzioni Geolander iMapper – signum per la gestione mobile e via browser.

Forse non tutti sanno che:
mediamente gli impianti di segnaletica stradale in Italia sono 29 a chilometro – davvero troppi.